La sirenetta del lago di Garda, una nuova installazione a Lazise

Lazise, terra di sirene…

Chi abitualmente frequenta il lago di Garda non si stupisce certo di questa definizione, soprattutto chi ha avuto modo di viaggiare attraverso il mio libro “Fantastico Garda fra le pagine dedicate alle sirene e alle sirene bicaudate, così diffusamente raccontate e avvistate attorno al lago.

In più, Lazise è anche luogo di anguane, creature che la fantasia popolare ha sempre collocato qui, in questi luoghi sulle rive dell’antico Benaco, come si narra nelle antiche cronache storiche del Garda documentate sempre in “Fantastico Garda“, ma anche più recentemente come hanno vissuto i lettori della Saga delle Streghe Quinti, con uno dei racconti di Garda Doble ambientato proprio a Lazise.

 

Oggi l’incontro tra le creature acquatiche e Lazise arriva prepotentemente alla cronaca grazie al prezioso omaggio che, da stasera, le sirene riceveranno in centro, sul lungolago Marconi, con la nuova opera dell’architetto Libero Cecchini, intitolata “La sirenetta del lago”.

Stasera, sabato 1 settembre 2018, dalle 19,00 è prevista l’inaugurazione della statua in bronzo realizzata dall’architetto Cecchini in collaborazione con lo scultore Matteo Cavaioni e la fonderia Fabris – Folla, oggi finalmente pronta per essere presentata al pubblico dall’amministrazione comunale di Lazise, che si è appassionata all’idea di una figura femminile che balza su uno scoglio uscendo dall’acqua su un’onda. L’opera è stata realizzata grazie al contributo degli eredi di Federico Aldrighetti.

Per ammirarla, da stasera o in futuro, la si potrà osservare sul lungolago Marconi in prossimità del porto nuovo: nell’anno in cui Notte di Fiaba ha portato per alcuni giorni la Sirenetta di Andersen a Riva del Garda, la sirena è di nuovo protagonista sul lago di Garda e trova una nuova casa, stavolta definitiva, a Lazise.

 

EDIT: qui sotto o in questo album le foto dell’inaugurazione!

Le foto possono essere riutilizzate citando la fonte (sito leggendedelgarda.com / autrice Simona Cremonini / pagina “Leggende, curiosità e misteri del lago di Garda)

Lascia un commento