Presentazione “Fantastico Garda” – Castello di Dello – BS

Folletti, ninfe, esseri divini e semidivini, ma anche animali fantastici quali unicorni, draghi e coccodrilli che, un tempo, erano fra le icone araldiche che rappresentavano le famiglie nobili.

Saranno questi e tanti altri i personaggi che verranno presentati giovedì 8 ottobre al Castello di Dello con l’evento dedicato al bestiario illustrato “Fantastico Garda“, che racconta le figure magiche e soprannaturali della regione del Lago di Garda, da Trento a Mantova e da Brescia a Verona, con l’immancabile atmosfera del lago e delle sue colline moreniche.

Leggi tutto “Presentazione “Fantastico Garda” – Castello di Dello – BS”

Presentazione “Misteri Morenici” – Centro Culturale – Povegliano Veronese

Giovedì 24 settembre 2020 alle 18,00 il Comune di Povegliano Veronese, la Biblioteca Comunale e il gruppo di lettura Le Libellule ospitano l’autrice Simona Cremonini con un incontro dedicato in particolare (ma non solo) al suo libro “Misteri Morenici” che raccoglie miti, leggende e simbolismi delle colline del basso lago di Garda.

Leggi tutto “Presentazione “Misteri Morenici” – Centro Culturale – Povegliano Veronese”

Verità o leggenda: il culto dei gemelli Dioscuri dalla Sirmione di Catullo alla regione del lago di Garda

Dioscuro, testa custodita presso il Museo delle Grotte di Catullo a Sirmione.

Con le sue lunghe sponde gemelle, che ergendosi da nord a sud e da sud a nord si guardano specchiandosi nelle sue acque azzurre, il lago di Garda suggerisce istintivamente di possedere una natura doppia e ha favorito da sempre storie e culture di personaggi magici quali i gemelli.

Leggi tutto “Verità o leggenda: il culto dei gemelli Dioscuri dalla Sirmione di Catullo alla regione del lago di Garda”

Verità o leggenda: Spiriti inquieti e figure di fantasmi attorno al lago di Garda: i Manes e il mese di febbraio

Vi sono luoghi, attorno al lago di Garda, dove i fantasmi delle epoche passate ancora oggi sembrano pronti, in ogni momento, a chiacchierare con l’uomo odierno.

Rocche misteriose si ergono qua e là, specchiandosi nel lago, e le loro storie sono narrate in “Leggende, curiosità e misteri del lago di Garda”; sulle colline e lungo il Mincio, invece, tuttora risuonano colpi di cannone e presenze senza pace legate alle battaglie, come raccontano “Misteri Morenici” e “Mincio Magico”. Un periodo dell’anno in cui questi segnali acquistano un significato ancor più inquietante e profondo è proprio quello che stiamo vivendo.

Febbraio era un tempo il “mese dei morti“. Lo era per gli antichi Romani, che lo legavano al culto e al rispetto dei trapassati, i “Mani”, protettori dei morti ma morti loro stessi; i Romani li consideravano i loro antenati immortali buoni, ovvero parenti e antenati che continuavano a proteggerli anche dopo essere diventati spiriti e che proteggevano chi moriva; spesso essi non erano solo “ombre” indefinite, ma veri e propri spiriti individuali ben identificati. Sulle epigrafi li richiamavano con gli acronimi DM (Dèi Mani) o DMS (Dis Manibus Sacrum) o anche con diciture più complete. Lo scopo di evocarli sulla pietra era dare protezione alle aree sepolcrali e a chi era appena trapassato.

Leggi tutto “Verità o leggenda: Spiriti inquieti e figure di fantasmi attorno al lago di Garda: i Manes e il mese di febbraio”

Verità o leggenda: I venti del lago di Garda, miti e leggende che li circondano

Il vento, manifestazione atmosferica legata allo spostamento d’aria, affascina l’uomo fin dall’antichità ed è parte da sempre dei miti e dei racconti popolari.

Dallo slavo Stribog (il cui nome significa “colui che estende”) al ben più noto in area mediterranea Eolo (appellativo che deriva del greco “aiolos” e significa “veloce”), numerose sono le divinità a cui è stata affidata la custodia del vento: anche sul lago di Garda, territorio in cui sono diversi i venti che spirano da nord a sud e da est a ovest, il vento non poteva non assumere delle vere e proprie personalità.

Leggi tutto “Verità o leggenda: I venti del lago di Garda, miti e leggende che li circondano”

Verità o leggenda: La mitologia del lago di Garda, un vero e proprio “unicum” in Italia

Le leggende locali del lago di Garda trasformano le magiche creature che vivono attorno alle sue acque in personaggi usciti dalle antiche mitologie italiche: fauni, satiri, ninfe, fate che vivono in altri elementi che non siano le acque, ma soprattutto gli dèi e le dee e i loro figli, nati dalla loro unione o dall’unione con esseri umani.

Giove, Marte, Eolo, Nettuno, Minerva sono solo alcune delle figure delle religioni classiche, di diretta derivazione romana, che trovano sul lago di Garda un luogo dove ottenere rifugio e ristoro e, in alcuni casi, addirittura assicurarsi una discendenza locale. Leggi tutto “Verità o leggenda: La mitologia del lago di Garda, un vero e proprio “unicum” in Italia”

Leggende ai Morti della Selva – Lonato del Garda

Domenica 9 settembre 2018 musica, leggende e storia narrano un luogo pregno di fascino e oggi non accessibile se non in rare occasioni, raccontato nel saggio “Misteri Morenici“.

La Chiesetta dei Morti della Selva a Lonato del Garda ospiterà “I Morti della Selva: Misteri, Leggende e Musica“, un pomeriggio fra le arti per esplorare tra maledizioni e miracoli uno degli angoli più suggestivi delle colline moreniche del lago di Garda, Leggi tutto “Leggende ai Morti della Selva – Lonato del Garda”

Verità o leggenda: Adelaide di Borgogna, regina in fuga tra Lugana e basso Garda

l’immagine dell’imperatrice Adelaide (Santa celebrata il 16 dicembre) nella Chiesa di San Salvatore a Pavia

Una delle leggende più affascinanti del lago di Garda è quella sulla Regina Adelaide di Borgogna, regina italiana che nell’Alto Medioevo (950 d.C.) fuggì misteriosamente attraverso le terre a sud del lago.

Adelaide era vittima del crudele feudatario Berengario, che, dopo averle ucciso l’amato marito, Lotario, aveva cercato di farle sposare il proprio figlio, Adalberto, per impossessarsi della corona italiana. Berengario l’aveva imprigionata nella Rocca della cittadina di Garda, Leggi tutto “Verità o leggenda: Adelaide di Borgogna, regina in fuga tra Lugana e basso Garda”