Menu Close

“Il Pittore delle Fate”

ROMANZO di Simona Cremonini

Il primo romanzo al mondo ispirato al fairy painting vittoriano: avventura, folklore, esoterismo, pittura, fantasy e steampunk.

-> Vincitore del Premio per la Miglior Trama all’Ithan Show Award 2023. La motivazione della Giuria: “Bello, avvincente sin dall’inizio, l’autrice possiede tutte le caratteristiche dei grandi scrittori contemporanei.” Info a questa pagina.

322 pagine, 17 euro
2022, ed. PresentARTsì

Leggi l’incipit di “Il Pittore delle Fate” a questa pagina.

“E se ciò che è impossibile fosse reale?”

Londra, 1853. Dopo essere divenuto famoso nella capitale inglese come “colui che ha intervistato Sherlock Holmes”, il giovane giornalista e aspirante romanziere Jonathan Sanders riceve dal suo direttore un nuovo incarico: per conto dell’Evening Star dovrà intervistare Edmund Wright, “il Pittore delle Fate”, l’artista che attraverso i propri dipinti ha dato all’Inghilterra vittoriana e al mondo intero delle buone ragioni per credere all’esistenza delle Fate e delle creature del Piccolo Popolo, fino a quel momento relegate nelle opere di Shakespeare e nel folklore. E quando giunge a Waterhouse, la residenza fuori Londra dove il pittore si è ritirato da dieci anni, Jonathan scopre che il piccolo universo di Wright somiglia tantissimo a ciò che è rappresentato nei suoi quadri.

Pronto a immergersi in una nuova consapevolezza di sé e del proprio talento come scrittore, Jonathan farà la conoscenza delle meravigliose “dame” che vivono in armoniosa comunità nella villa di Wright e, fra loro, dell’incantevole Celeste, che cambierà il suo destino e il suo cuore.

Sul sentimento che sta nascendo tra i due incomberanno però le ambizioni della Fratellanza Ermetica Dorata, un oscuro ordine che, per dominare il mondo con la magia, ha bisogno proprio di ciò che Jonathan ha appena portato alla luce, quel segreto che anche il pittore Richard Dadd cercò di mantenere tale uccidendo il padre e finendo in manicomio: il mistero delle fate.

Avventura, folklore, esoterismo, pittura, fantasy e steampunk: dall’autrice della Saga delle Streghe Quinti, una storia straordinaria immersa nel fascino dell’epoca vittoriana e del “fairy painting”, corrente artistica in precedenza mai raccontata in un romanzo, nata nell’Ottocento e legata anche al movimento dei Preraffaelliti.