Il Sigillo di Sarca

“Il Sigillo di Sarca” la Saga delle Streghe Quinti

NARRATIVA di Simona Cremonini

Un romanzo ambientato nei luoghi del lago e ispirato alle leggende del Garda: la prima avventura della giovane strega Brunella Quinti.

226 pagine, 15 euro
2016, ed. PresentARTsì

 


Cinque ragazzine, una vacanza sul lago di Garda, una tavola ouija: a Manerba, nell’estate del 1991, quella che dovrebbe essere una serata innocente e spensierata per richiamare il fantasma della leggendaria regina medioevale Adelaide, per Brunella, Silvia, Elena, Benedetta e Veronica si trasforma nella notte che cambierà le loro vite nel modo più tragico, con il risveglio delle antiche divinità del Garda e la scoperta di segreti che con l’aiuto della strega Virginia Quinti, madre di Brunella, dovranno ricacciare negli abissi del lago.
Tredici anni dopo, nel 2004, con una serie di incredibili eventi verrà spezzato il Sigillo di Sarca, l’incantesimo che aveva confinato nelle sue terre, a nord del lago, questo dio crudele (marito della ninfa Garda). Le stesse protagoniste, divenute adulte, si ritroveranno per ripetere quel magico rito e scoprirne tutti i retroscena, legati alle vicende degli dèi gardesani e alle avventure amorose del poeta Catullo e della sua amante, la sirmionese Quinzia, prima strega del lago.

Un romanzo di formazione, ispirato al genere fanta-horror: il primo capitolo (autoconclusivo) della Saga delle Streghe Quinti.

 

I LUOGHI NARRATI E RICHIAMATI NEL ROMANZO:

– Manerba del Garda
– Lazise
– Salò
– l’alto Garda del Sarca
– Sirmione
– Brescia
– Verona
– Lugana
– Castel Venzago
– Lonato

 

Scopri a questa pagina la Genealogia degli dèi del Garda raccontata nel romanzo.